Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

ARISA lyrics - Sincerità

Sincerità

Original and similar lyrics
Sincerità Adesso è tutto così semplice Con te che sei l’unico complice Di questa storia magica Sincerità Un elemento imprescindibile Per una relazione stabile Che punti all’eternità Adesso è un rapporto davvero Ma siamo partiti da zero All’inizio era poca ragione Nel vortice della passione E fare e rifare l’amore Per ore, per ore, per ore Aver poche cose da dirsi Paura ed a volte pentirsi Ed io coi miei sbalzi d’umore E tu con le solite storie Lasciarsi ogni due settimane Bugie per non farmi soffrire Ma a volte era meglio morire Sincerità Adesso è tutto così semplice Con te che sei l’unico complice Di questa storia magica Sincerità Un elemento imprescindibile Per una relazione stabile Che punti all’eternità Adesso sembriamo due amici Adesso noi siamo felici Si litiga quello è normale Ma poi si fa sempre l’amore Parlando di tutto e di tutti Facciamo duemila progetti Tu a volte ritorni bambino Ti stringo e ti tengo vicino Sincerità Scoprire tutti i lati deboli Avere sogni come stimoli Puntando all’eternità Adesso tu sei mio E ti appartengo anch’io E mano ella mano dove andiamo si vedrà Il sogno va da se, regina io e tu re Di questa storia sempre a lieto fine Sincerità Adesso è tutto così semplice Con te che sei l’unico complice Di questa storia magica Sincerità Un elemento imprescindibile Per una relazione stabile Che punti all’eternità…

Mentre La Notte Va

LAURA PAUSINI "Entre Tú Y Mil Mares"
corre a fari spenti la mia macchina e' un'ombra sull'asfalto come ulisse ho dentro la mia bussola e' un viaggio a cuore aperto sembra un sole questa grande luna il suo raggio e' il mio portafortuna trovero' da sola le mie rotte faccio vela mentre la notte va e' un'aquila nel cielo e va che vola sul presente e va e scioglie tutto il gelo e va sognando immensamente l'anima che balla libera il pensiero seguira' una stella che dal buio nascera' e sara' una danza magica davvero mi dara' speranza mentre avanza questa notte va….. quanto e' grande il cielo dell'america e' un mare capovolto avrai letto certo la mia lettera e' stato un grande salto via da tutto per un'avventura del futuro io non ho paura e non sono in cerca di vendette ti perdono mentre la notte va e' come un uragano e va trascina la mia mente e va sognando immensamente l'anima che balla libera il pensiero seguira' una stella che dal buio nascera' e sara' una danza magica davvero mi dara' speranza mentre questa notte va e' un'aquila nel cielo e va che vola sul presente e va e scioglie tutto il gelo e va mentre la notte va…..

Che Storia E'

LAURA PAUSINI "Le Cose Che Vive"
Penso che per vivere Ci vuole verità, E non e per niente facile In questa società, Dove tutto è un limite Che soffoca la nostra liberta Ma che senso ha? Se tutto corre illogico Morde e se ne va, In questo palcoscenico Chiamato umanità, Che ci travolge l'anima Senza un'illusione di pietà Ma chi ci salverà? Sogni bendati dai lividi e i guai Intrappolati dentro noi In questa corsa infinita che ormai Più nessuno vincera Così non va Che storia è? Che storia è? Grido di rabbia e mi chiedo perchè Non ha mai fine Tutto il dolore che c'è Che storia è? Ma una risposta dov'è? Non ci sono regole Nessuna dignità Il male è un'abitudine È la normalita Come le promesse che Domani più nessuno manterrà Ma chi si salverà? Treni di notte nell'oscurità Ma dimmi poi dove si va Stelle di carta davanti a un falò E fermarsi non si può Io dico no Che storia è? Che storia è? Grido di rabbia e ti chiedo perché Non ha mai fine Tutto questo odio che c'è Come vorrei Che la mia voce arivasse da te Oltre il confine Dove il dolore non c'è Dove il dolore non c'è Che storia? Che storia è? Ma una risposta dov'è Oltre il confine Dove il dolore non c'è Oltre il confine Dove il dolore non c'è

Tutto Da Rifare

Cattivi Pensieri
Si puo' cercare di dimenticare quando ci si lascia ci si butta giu' c'e' chi si spara c'e' chi si compiace e alla prima sera non ce la fa piu' cosi' io penso solo a lavorare faccio punto a capo dio perche' sei nato vorrei passare tutta la mia vita solo a ridere di te ... Non ce l'ho con te non ce l'ho no... con te.... E poi non dormo vivo in bianco e nero quanto mi fa male questa cosa qua non voglio niente sono sempre fuori piove sempre in casa mia e so che un giorno arrivera' qualcuno che mi fara' quello che hai fatto tu e io che scema che ho voglia di dare sono sempre in alto mare l' amore passato so che non tornera' e quello che e' stato ancora male mi fa paura d'amare io non mi lascio andare nel bene e nel male sono libera libera...... Tutto da rifare adesso e' tutto da rifare-e paura d' amare ricominciare adesso e' tutto da rifare-fare tutto da rifare adesso e' tutto da rifare-e paura d' amare lasciami stare adesso e' tutto da rifare-e!!! Si crede sempre solo nell'amore quello passionale quello originale quello che fa rinascere e morire e che ti mette sempre in discussione e se finisce non e' divertente meglio un incidente ma sinceramente meglio stare bene insieme senza tutte queste scene l'amore passato so che non tornera' e quello che e' stato ancora male mi fa paura d'amare io non mi lascio andare nel bene e nel male sono libera libera... Tutto da rifare adesso e' tutto da rifare-e paura d' amare ricominciare adesso e' tutto da rifare- fare tutto da rifare adesso e' tutto da rifare-e paura d' amare lasciami stare adesso e' tutto da rifare-fare!! Io no... Io no....... No! Tutto da rifare il cuore e' da lavare e' tutto da rifare gatte da pelare Tutto da rifare tutto da rifare tutto da rifare-fare...

Se Adesso Te Ne Vai

Di Cataldo Massimo
Guardami negli occhi ora sto per dirti che non avrò paura di restare senza te se adesso te ne vai non me ne frega niente domani è un altro giorno ricomincerò E non avrò rancore quando parlerò di noi nasconderò il dolore come non ho fatto mai ma non mi dire adesso che ti dovrei capire perdonami ma io non ti perdonerò Se adesso te ne vai e fai crollare il mondo su di me adesso te ne vai ed io non vivo più lo so mi abituerò a camminare senza averti accanto non è così per te che lo sapevi già L'ultima valigia e poi tutto cambierà e già qualcuno aspetta per portarti via da qua spero soltanto che stavolta sia per sempre ma quanto male fa doverti dire che Se adesso te ne vai non ci sarà più posto dentro me ti giuro d'ora in poi io non so più chi sei trascina via con te le tue incertezze e la tua ipocrisia ma il male che mi fai non puoi portarlo via Diventerò uno scudo col quale mi difenderò da te e adesso sbatti forte quellla porta via da me E maledico il giorno che ci ha unito e questo che ti vede andare via non mi rimane che un saluto abbasserò la testa e così sia Se adesso te ne vai e fai crollare tutto su di me ti giuro d'ora in poi io non so più chi sei se adesso te ne vai ti chiedo solo non voltarti mai perchè non ci sarò se un giorno tornerai Guardami negli occhi ora sto per dirti che mentre tu mi lasci io rinasco senza te...

Eskimo

Francesco Guccini
Eskimo (Francesco Guccini) Questa domenica in Settembre non sarebbe pesata cosi' l'estate finiva piu' nature vent'anni fa o giu' di li' Con l'incoscienza dentro al basso ventre e alcuni audaci, in tasca l'Unita' , la paghi tutta, e a prezzi d'inflazione, quella che chiaman la maturita' Ma tu non sei cambiata di molto anche se adesso e' al vento quello che io per vederlo ci ho impiegato tanto filosofando pure sui perche' Ma tu non sei cambiata di tanto e se cos'e' un orgasmo ora lo sai potrai capire i miei vent'anni allora e quasi cento adesso capirai Portavo allora un eskimo innocente dettato solo dalla poverta' non era la rivolta permanente diciamo che non c'era e tanto fa Portavo una coscienza immacolata che tu tendevi a uccidere pero' inutilmente ti ci sei provata con foto di famiglia o paleto' E quanto son cambiato da allora e l'eskimo che conoscevi tu lo porta addosso mio fratello ancora e tu lo porteresti e non puoi piu' Bisogna saper scegliere il tempo non arrivarci per contrarieta' tu giri adesso con le tette al vento io ci giravo gia' vent'anni fa Ricordi fu con te a Santa Lucia al portico dei Servi per Natale credevo che Bologna fosse mia ballammo insieme all'anno o a Carnevale Lasciammo allora tutti e due un qualcuno che non ne fece un dramma o non lo so ma con i miei maglioni ero a disagio e mi pesava quel tuo paleto' Ma avevo la rivolta fra le dita dei soldi in tasca niente e tu lo sai e mi pagavi il cinema stupita e non ti era toccato farlo mai Perche' mi amavi non l'ho mai capito cosi' diverso da quei tuoi cliche perche' fra i tanti, bella, che hai colpito ti sei gettata addosso proprio a me Infatti i fiori della prima volta non c'erano gia' piu' nel sessantotto scoppiava finalmente la rivolta oppure in qualche modo mi ero rotto Tu li aspettavi ancora ma io gia' urlavo che Dio era morto, a monte, ma pero' contro il sistema anch'io mi ribellavo cioe', sognando Dylan e i provo E Gianni ritornato da Londra a lungo ci parlo' dell'LSD tenne una quasi conferenza colta sul suo viaggio di nozze stile freak E noi non l'avevamo mai fatto e noi che non l'avremmo fatto mai quell'erba ci creseva tutt'attorno per noi crescevan solo i nostri guai Forse ci consolava far l'amore ma precari in quel senso si era gia' un buco da un amico, un letto a ore su cui passava tutta la citta' L'amore fatto alla boia d'un Giuda e al freddo in quella stanza di altri e spoglia vederti o non vederti tutta nuda era un fatto di clima e non di voglia E adesso che potremmo anche farlo e adesso che problemi non ne ho che nostalgia per quelli contro un muro o dentro a un cine o li' dove si puo' E adesso che sappiamo quasi tutto e adesso che problemi non ne hai che nostalgia, lo rifaremmo in piedi scordando la moquette stile e l'Hi Fi Diciamolo per dire, ma davvero si ride per non piangere perche' se penso a quella ch'eri, a quel che ero, che compassione che ho per me e per te Eppure a volte non mi spiacerebbe essere quelli di quei tempi la' sara' per aver quindic'anni in meno o avere tutto per possibilita' Perche' a vent'anni e' tutto ancora intero perche' a vent'anni e' tutto chi lo sa a vent'anni si e' stupidi davvero quante balle si ha in testa a quell'eta' Oppure allora si era solo noi non c'entra o meno questa gioventu' di discussioni, caroselli, eroi quel ch'e' rimasto dimmelo un po' tu E questa domenica in Settembre se ne sta lentamente per finire come le tante via distrattamente a cercare di fare o di capire Forse lo stan pensando anche gli amici gli andati, i rassegnati, i soddisfatti, giocando a dire che si era piu' felici pensando a chi si e' perso o no a quei patti Ed io che ho sempre un eskimo addosso uguale a quello che ricorderai io come sempre, faccio quel che posso domani poi ci pensero' se mai Ed io ti cantero' questa canzone uguale a tante che gia' ti cantai ignorala come hai ignorato le altre e poi saran le ultime oramai

Was it funny? Share it with friends!