Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

ARISA lyrics - Amami

Poi Però

Original and similar lyrics
Dico che forse è colpa mia Che la distanza tra di noi È una cura per il cuore Che altrimenti cederà Dicono è la maturità Oggi l'amore va così Senza troppi compromessi Rimanere liberi Poi però Un giorno dura un inverno Come se Se non ci fosse aria intorno E vivere E vivere diventa una bugia Il cuore si difende Ma poi non resta niente Oggi l'amore è la metà Di questo cerchio dove noi Costruiamo questa storia Di cui siamo i soli eroi Poi però La quotidianità ci frega Tu sei tu Ed io diventerò la strega È così La sola cosa giusta È tu sia Dio Poi però Un giorno dura un inverno Come se Se non ci fosse aria intorno E vivere E vivere somiglia a una bugia Il cuore si difende Ma poi non resta niente Poi però Un giorno dura un inverno Come se Se non ci fosse aria intorno E vivere E vivere diventa una bugia Il cuore si difende Ma poi non resta niente Non resta niente Non resta niente Non resta niente

La Sinfonia Dei Topi

Afterhours
Voglio vivere nel sole con il mio miglior vestito Voglio vivere nel sole e godere all'infinito Tanto non sarò astronauta perchè fluttuo nel tuo vuoto E ho scoperto che è godendo che mi sento più pulito E non ho Volontà Di un Percorso Importante Dentro il niente Dentro il niente Dentro il niente Dentro il niente Niente (x2) Scienziatelli musicali studian cornamuse anali All'interno delle proprie Ricerche personali Producendo disgustosi festival delle interiora Dove cercan di insegnarti che a soffrire si migliora Io non ho Volontà Di un percorso importante Verso il niente Verso il niente Verso il niente Niente (x2) Voglio vivere nel sole Per sentirmi più pulito Voglio vivere nel sole e non in questo grande vuoto E ricominciare a crederci se dici che mi ami Anche se son disponibile compare quando chiami Voglio vivere nel sole Voglio avere un grosso uccello Forse non sarà importante Ma in foto è proprio bello E finirla di sentire che mi sto prostituendo Perchè faccio ciò che voglio E mi fa sentire meglio Dentro il niente Dentro il niente Dentro il niente Niente (x2)

Lei Per

EROS RAMAZZOTTI
Io con te ci sto anche bene non mi posso lamentare no senza lacci né catene che pretendere più di così non si può davvero Lei però... però ha qualcosa che non so... non so non mi spiego c'è qualcosa in più che purtroppo non hai non hai tu... che tu non hai E non c'entra il lato fisico non penso ma forse sto dicendo una bugia e se poi ti guardo dentro sei più bella chiaramente tu questo io lo vedo sì ma lei però ha qualcosa che non so... non so E' un mistero c'è qualcosa in più che purtroppo non hai non hai tu... Lo sai che non ci sto capendo niente più nemmeno io dovessi scegliere adesso non saprei... non vorrei il problema mio resta sempre lei... Se volessi fare un figlio lo farei credimi con te se ho bisogno di un consiglio io nel tuo ci spero sempre un pò so che è sincero lei però.. però ha qualcosa che non so... non so non so dire c'è qualcosa in più che purtroppo non hai non hai tu... Il problema mia resta sempre lei Lei però... però lei però...

Ti Giro Intorno

Kuntz Marlene
Come i fiori al campo danno volutta' (e non puoi contarne intero il numero) cosi' saziami con generosita': tu sei la gioia, e smaglio attratto e cereo Ho contratto intesa con lo spirito ora e' nudo e, vedi? Non ragiona piu'. Come una falena ai lumi palpita io vado dritto al suono dove imperi tu. Bastano i prodigi che tu sei Contano i sapori che mi dai Io ti giro intorno e ingoio fremiti Io ti giro intorno senza limiti Voglio la via piu' facile per avere quiete complice. Voglio te dentro me per farcela. ..e' come esaudire la gravita' prendere posto nel vortice... Bastano i prodigi che tu sei Contano i sapori che mi dai Io ti giro intorno e ingoio fremiti Io ti giro intorno senza limiti - E non cessa di girare la mia testa in mezzo al mare - Cosa faccio? Cosa non faccio? Cosa penso? Cosa non penso? La mia mente e' un delta e porta dove niente + niente = niente + niente = niente + niente = niente + niente = Tutto Fatto Di Niente OTTO-NOVE-DIECI fa uguale perche' tempo non mi da pace in ogni caso E' forse la bandiera bianca? Si e no, ma non ha importanza Guarda! La sveglia segna due del giorno: e' quando il sole danza Non c'e' nulla in me che avanza E oggi e' uguale e a ieri E oggi e' uguale all'altro ieri E sara' domani a fare fuori Tutto Fatto Di Niente Tempo e' un treno che passa e non e' un dramma dire che e' vero ma si sa che ci manca la faccia (quella giusta!) per prenderlo al volo E non cessa di girare la mia testa in mezzo al mare

Siamo Nati Liberi

Di Cataldo Massimo
Ma quante sono le stelle io non le conto più duemila fari nel buio chissà quale sei tu e mi ricordo di noi ragazzi un bar e tu che ridevi con noi E' stato l'ultimo inverno dell'86 quando una volta mi hai detto non ce la faccio sai ma guarda che faccia che hai, non sembri più te che mi dicevi lo sai Siamo nati liberi, liberi come il sole liberi di decidere di vivere o morire io non lo so però che senso ha io non lo so...però... E' solo un viaggio sbagliato che ti ha portato via nemmeno una settimana dall'ultima bugia e mi ricordo di noi ragazzi in un bar e tu che dicevi lo sai Siamo nati liberi, liberi come il sole liberi di decidere di vivere o morire io non lo so però che senso ha io non lo so...però... La voglia di vivere non ti ha fatto mai cambiare idea è bruciato in un angolo il sogno di volare via Siamo nati liberi, liberi come il sole liberi di decidere di vivere o morire io non lo so però che senso ha io non lo so...però... Quante sono le stelle io non le conto più .. chissà quale sei tu...

Dolce Far Niente

Jovanotti
Mare bagnasciuga carezza che ti bagna fiocco di neve cade come piuma sopra la montagna torrente d'acqua da bere con le mani parco cittadino bella ragazza che gioca con i cani ospitalità dolce benvenuto trasformare in melodia lo strascico di uno starnuto salute! niente medicine con il mio aeroplano sorvolare sulle tue colline atterrarti morbido sopra le tue guance rubo da mogol quella metafora delle due arance ascoltare il padreterno che improvvisa jazz vento sulle foglie che frusciando caccian via lo stress starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce rimandare stare con i piedi penzoloni guardando il mondo girare andare andare aspettare dolcemente l'ora di mangiare guardare l'erba crescere e l'acqua evaporare tranquillamente all'ombra di una fresca brezza farsi accarezzare dare forma tonda a bolle di pensieri che scoppiano nell'aria non appena si fan troppo seri o troppo pesi starsene leggeri trasformare le ore in mesi come foglia lungo il fiume dentro la corrente dolcemente arresi siiii starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce respirare con il braccio fuori dal finestrino farsi trasportare dalla riga bianca in mezzo al nero delle strade stare come un fiore nella pioggia di quello che accade sentir gli odori la merda dei porcili confondersi con il profumo d'erba di infiniti aprili e starsene così come non sta chi c'ha da fare con il volante tra le mani e il ritmo che ti fa dondolare niente male dondolare sentirsi come sale silenziosi dentro un grande mare sì starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce rimandare dolce far vacanza senza viaggi da organizzare agenzie turistiche sudori d'aeroplano dogane e pizzerie sempre più uguali più si va lontano vivere su Marte cambiare l'atmosfera respirare ossigeno respirare ossigeno ed espirare pura primavera pura primavera primavera un due tre che giorno è

Was it funny? Share it with friends!