Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

ARISA lyrics - Amami

Il Tempo Che Verrà

Original and similar lyrics
Il tempo fa la storia soltanto la memoria ferma un istante nella mente mia Perché lui non aspetta lui scorre lento e in fretta non guarda indietro passa e non si ferma mai Non so se c’è una fine né quanto ne rimane quello che voglio è provare a non buttarlo via Pensando al mio passato e a quello che ho sbagliato io mi riprendo questa vita e le occasioni che mi dà senza nessun rimpianto Il tempo che verrà il tempo che verrà il tempo che verrà quanta altra vita ci darà Il tempo che verrà il tempo che verrà se schiaffi o se carezze cosa mi darà Un’ora sembra un giorno se aspetto il tuo ritorno un giorno è un’ora se tu sei vicino a me e se si spezza il cuore il tempo è guaritore un fiume in piena porta tutto via con se Se mai farò un bilancio di questo lungo viaggio quello che spero è di aver donato un po’ di me Con gli occhi forse stanchi e coi capelli bianchi ci sarà tempo per quest’anima che tempo non ne ha che cerca eternità rincorre gli anni miei con tutti i giorni suoi ma corre un pò più forte se i miei sogni sono i tuoi poi passa e se ne va il tempo che verrà se schiaffi o se carezze cosa mi darà il tempo che verrà il tempo che verrà il tempo che verrà… verrà.

Viaggio Con Te

LAURA PAUSINI "Entre Tú Y Mil Mares"
ci svegliavi con un bacio e poi te ne andavi a letto mentre noi correvamo in quella scuola che ci dicevi 'insegna a vivere' ma la vita l'hai insegnata tu ogni giorno un po' di piu' con quegli occhi innamorati tuoi di due figlie matte come noi cosa non darei perche' il tempo non ci invecchi mai ho imparato a cantare insieme a te nelle sere d'estate nei caffe' ho imparato il mio coraggio e ho diviso la strada e l'allegria la tua forza la tua malinconia ogni istante ogni miraggio… per le feste tu non c'eri mai mamma apriva i pacchi insieme a noi il lavoro ti portava via la tua solitudine era mia cosa non farei per ridarti il tempo perso ormai ho imparato ad amare come te questa vita rischiando tutta me ho imparato il tuo coraggio e ho capito la timida follia del tuo essere unico perche' sei la meta del mio viaggio per me e cosi' sempre di piu' somiglio a te nei tuoi sorrisi e nelle lacrime… ……….musica………….. ho imparato il tuo coraggio e ho imparato ad amare e credere nella vita rischiando tutta me e ho diviso questo viaggio con te io con te ho imparato il mio coraggio… mi risveglio in questa casa mia penso a quando te ne andavi via e anche adesso cosa non farei per ridarci il tempo perso ormai

Un Giorno Vedrai

Di Cataldo Massimo
Ci sono certi giorni che non mi va di uscire mi chiudo solo in casa davanti alla tv, ma non la guardo più e aspetto fino a sera per tirarmi su, e poi volare ancora con le memorie là dove sono cresciuto a salutare chi da bambino immaginava insieme a me la sua libertà la gente che ho lasciato, che mi ha dimenticato gli sguardi che ho rubato e le risate insieme... a qualche vecchio amico la vita ci ha spezzato, a volte ci ha tradito, ma non ci piegherà finché rimane in noi la voglia di volare e già capisci che questo mondo vale più di quel che da e un giorno vedrai... sorriderò, sorriderai e sopra le nuvole scoprirai nuove pianure e poi città dove rinasce quel che finisce e un nuovo giorno sarà immenso per noi che non abbiamo avuto mai le carezze di una vita un po' distratta per i fatti suoi di tempo ne è passato e se mi guardo dentro cercando un risultato mi accorgo solo che è più quel che ho perso e a volte l'esperienza non insegna niente se poi non credi più che basta così poco per poter volare con la fantasia apri le tue ali amico insieme a me e se ancora vuoi... sorriderò, sorriderai e sopra le nuvole scoprirai nuove pianure e poi città dove rinasce quel che finisce e un nuovo giorno sarà immenso vedrai per chi non ha avuto come noi le carezze di una vita un po' distratta per i fatti suoi per chi non ha avuto come noi le carezze che la vita un po' distratta non ci ha regalato mai

Tieni Il Tempo

883 "La Donna, Il Sogno E Il Grande Incubo"
Non c'è storia in questa città nessuno si diverte e mai si divertirà lascia perdere tutta questa gente e non credere di te non importa niente Sono sempre pronti a giudicare tutto quello che fai come ti vesti e con chi ti incontrerai ma non te la prendere loro sono fatti così devi solo credere che un giorno te ne andrai di quì. Scendi nella strada balla e butta fuori quello che hai fai partire il ritmo quello giusto datti una mossa e poi Tieni il tempo con le gambe con le mani tieni il tempo non fermarti fino a domani tieni il tempo vai avanti e vedrai tieni il tempo il ritmo non finisce mai i muri grigi che vedi quando guardi fuori da qui anche se non ci credi sono così belli per chi sa trovare i colori dentro nella testa e allora vattene fuori che sta per cominciare la festa Non ti lasciare andare se non ti vuole più adesso se la tira ma non sa che tu stai quasi per decollare e quando volerai faranno a gara se fare un giro gli farai. Scendi nella strada balla e butta fuori quello che hai fai partire il ritmo quello giusto datti una mossa e poi Tieni il tempo con le gambe con le mani tieni il tempo non fermarti fino a domani tieni il tempo vai avanti e vedrai tieni il tempo il ritmo non finisce mai tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo con le gambe con le mani tieni il tempo non fermarti fino a domani tieni il tempo vai avanti e vedrai tieni il tempo il ritmo non finisce mai tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo tieni il tempo

Il Mandorlo

Buonocore Nino
A.Buonocore/M. De Vitis A.Buonocore Il mandorlo fioriva nel giardino della scuola io li vedevo entrare e restavo fuori col pianto in gola. Il giorno se ne andava tra i richiami del mercato e la tua fresca voce che non ho più scordato. La paura dei miei pensieri, il desiderio di te di dividere con te i miei abbandoni. Noi distesi sulla sabbia, quanta pioggia sui libri di scuola e come è forte l'odore del mare a febbraio. Come stai? Ti senti sola come me che non ho, non ho imparato mai a difendermi? E sono tanti quelli come noi, che il tempo non li cambia il tempo non li cambia. Il tempo non si ferma, il tempo non si ferma. Il mandorlo fioriva nel giardino della scuola mia madre mi guardava, ma quei silenzi non li capiva. Ma cosa dici? Non è niente, sono io che sono assente e poi mi rifugiavo in te per sentirmi più importante. E chissà quale ragione in una sera qualunque divise le nostre strade per sempre. E ti ricordo bella quando torno a respirare l'odore forte del mare di febbraio. Come stai? Ti senti sola come me che non ho, non ho imparato mai a nascondermi? E sono tanti quelli come noi, che il tempo non li cambia il tempo non li cambia. E sono tanti quelli come noi, ma il tempo non si ferma il tempo non si ferma, il tempo non si ferma mai.

Mai Nata

TIZIANO FERRO "Rosso Relativo"
Passa passa passa Poi imprechi ma non passa mai La tua fame è sveglia, cazzo, no non va mai a dormire lei Sogni sogni sogni Ma sai già quanto costano Qualche notte in piedi a sopravvivere al fatto che Non è la realtà E la conosci già La fine che farà La tua forza di volontà Andrà a farsi fottere Ti dicono sii forte si ma Son bravi a parlare Che ne sanno di che hai dentro te In quel frigo...si freddano le lacrime In dispensa...rinchiudi le tue ansie e poi Sotto il letto...nascondi la tua polvere Poi non dormi...ti chiudi e rifletti E' la vita che unita al dolore si ciba di te E della tua strada sbagliata E continui a pensare, placando il tormento, Che bello se non fossi mai nata Salpa salpa salpa Il raziocinio toglie l'ancora Da una cerebrale come te nessuno se lo aspetta Parli parli parli Sei un vulcano inarrestabile Treno più che rapido, efficiente poco timida Ma ti hanno detto mai Che devi amarti un po' Puoi rallentare e poi Pensare un po' più a te Che sicurezza mostri se I casini sai risolvere Ma i problemi tuoi Non li affronti proprio mai In quel frigo...si freddano le lacrime In dispensa...rinchiudi le tue ansie e poi Sotto il letto...nascondi la tua polvere Poi non dormi...ti chiudi e rifletti E' la vita che unita al dolore si ciba di te E della tua strada sbagliata E continui a pensare, placando il tormento, Che bello se non fossi mai nata E non passa più E non cambia mai Cuore nello stomaco Testa senza eroi E' la vita che unita al dolore si ciba di te E della tua strada sbagliata E continui a pensare, placando il tormento, Che bello se non fossi mai nata E la smetti Rilassati! Forza reagisci sei te Che condizioni la tua strada E, su, prova a pensare che bello sarebbe se invece Amassi un po' di più la vita

Was it funny? Share it with friends!