Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

Zdob Si Zdub lyrics

Everybody In The Casa Mare

Original and similar lyrics
Everybody in the casa mare Hei, noroc, oameni buni! Everybody in the casa mare! Asa noi traim - Un pahar de vin sa cinstim Despre viata noastra sa vorbim Brutto-netto, tariasca etno! Sa rasune doba lui Tudorica de la Prut Cu care canta Zdob si Zdub De unde se vede Dunarea Si vocea mea rasuna asa tare! Incalec pe soare Calare, Ia mai zi mai , lautare din Clejani O doina cu voce plina de sincer Pentru guys from New-York city Cu Doberman pincer ! Dimineata pe racoare Eu stau cu fata la soare Si ma uit pe cerul mare Dimineata pe racoare Asculta frate, biciul bate, Caruta merge mai departe Haide, haide, minus-plus, apasa pe fuzz Sa inceapa natural blues - Cantec de jale! Vrei sa faci o balada, s-o faci , s-o inveti Cu bucurie lumea s-o distrezi? Asa zicea Culaie : strigatura strigatura, Fac doi pasi si-o saritura, hop asa! Hai, mai Mihai, iauzida, pune un CD Pe care canta Cacurica MC Ca asta-I hora horelor, dragostea DJ-elior Care canta oilor cu cimpoiul mieilor. Muzica e viata noastra, discul se-nvarteste, Lumea iubeste, intr-o casa mare traiesete, Cu vioara vorbeste si se-aude tare ca la cheful mare Hai mai lautare! Dimineata pe racoare Eu stau cu fata la soare Si ma uit pe cerul mare Dimineata pe racoare Mai beau un vin rosu, Visez, despre viata nostra mai departe mixez. Vine toamna , curge vinul Sare pestele , creste pelinul… Pas, pas cu pas mergem la Hollywood Unde va canta formatia ZSZ Cu Taraful de Haiduci Si prietenul lor Johnny Depp , Toti impreuna sa facem rap! Mahalaua stie ce show o sa fie! Viata noastra e ca drumul lung, Apuca-te frate de plug! Sa – nfloreasca etno! Ma cheama Romala, Traiesc la ghetto , Va spun tuturor - la revedere! Ia zi, mai Vicosh , ca lumea cere o melodie frumoasa Pentru inima si suflet aleasa!

Canzone Della Bambina Portoghese

Francesco Guccini
Canzone della bambina portoghese (Francesco Guccini) E poi e poi, gente viene qui e ti dice Di sapere gia' ogni legge delle cose E tutti, sai, vantano un orgoglio cieco di verita' fatte di formule vuote E tutti, sai, ti san dire come fare, Quali leggi rispettare, quali regole osservare, Qual e' il vero vero, E poi, e poi, tutti chiusi in tante celle, Fanno a chi parla piu' forte Per non dir che stelle e morte fan paura. Al caldo del sole, al mare scendeva la bambina portoghese Non c'eran parole, rumori soltanto come voci sospese. Il mare soltanto, e il suo primo bikini amaranto, Le cose piu' belle e la gioia del caldo alla pelle. Gli amici vicino sembravan sommersi dalla voce del mare; O sogni o visioni qualcosa la prese e si mise a pensare; Senti' che era un punto al limite di un continente, Senti' che era un niente, l'Atlantico immenso di fronte. E in questo sentiva qualcosa di grande Che non riusciva a capire, che non poteva intuire; Che avrebbe spiegato, se avesse capito lei, e l'oceano infinito; Ma il caldo l'avvolse, si senti' svanire e si mise a dormire. E fu solo del sole, come di mani future. Restaron soltanto il mare e un bikini amaranto. E poi e poi, se ti scopri a ricordare, Ti accorgerai che non te ne importa niente. E capirai che una sera o una stagione Son come lampi, luci accese e dopo spente. E capirai che la vera ambiguita' E' la vita che viviamo, il qualcosa che chiamiamo esser uomini, E poi, e poi, che quel vizio che ci uccidera' Non sara' fumare o bere, ma il qualcosa che ti porti dentro, Cioe' vivere.

Caruso

Russell Watson
Qui dove il mare luccica, e tira forte il vento su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento un uomo abbraccia una ragazza dopo che aveva pianto poi si schiarisce la voce, e ricomincia il canto. Te voglio bene assai ma tanto tanto bene sai e una catena ormai che scioglie il sangue dint'e vene sai... Vide le luci in mezzo al mare, penso alle notti la in America ma erano solo le lampare e la bianca scia d'un elica senti il dolore nella musica, e si alzo dal pianoforte ma quando vide la luna uscire da una nuvola, gli sembro piu dolce anche la morte guardo negli occhi la ragazza, quegli occhi verdi come il mare poi all'improvviso usci una lacrima e lui credette di affogare. Te voglio bene assai ecc. Poi penso alla lirica, e al grande palco che con un po' di trucco e con la mimica puoi diventare un altro ma due occhi che ti guardano, cosi vicini e veri ti fan scordare le parole, o in fondo i tuoi pensieri cosi diventa tutto piccolo, anche le notti la in America ti volti e vedi la tua vita, come la scia d'un elica ma si, e la vita che finisce, ma lui non ci pensava tanto anzi, si sentiva gia felice, e ricomincio il suo canto. Te voglio bene assai, ecc.

Emilia

Francesco Guccini
Emilia (Francesco Guccini) Le Alpi, si sa, sono un muro di sasso una diga confusa, fanno tabula rasa per noi che qui sotto, lontano, piu' in basso abbiamo la casa La casa ed i piedi in questa spianata di sole che strappa la gola alle rane di nebbia compatta scabrosa stirata che sembra di pane Ed una strada antica come l'uomo marcata ai bordi dalle chiacchiere di un duomo e i fiumi falsi avventurieri che trasformano i padani in marinai non veri Emilia di volti tra i campi e sui prati lagune e piroghe, e l'eterno mare guerrieri del Nord dai capelli gessati ne hai visti passare Emilia allungata tra l'olmo e il vigneto voltata a cercare quel mare mancante e il monte Appennino raccontando un segreto diventa un gigante Lungo la strada, tra una piazza e un duomo hai messo al mondo questa specie d'uomo vero aperto finto strano chiuso anarchico verdiano brutta razza, l'emiliano! Emilia sognante fra l'oggi e il domani di cicloamatori, di lusso e balere Emilia di facce, di grida, di mani sara' un grande piacere Vedere in futuro da un mondo lontano quaggiu' sulla Terra una macchia di verde e sentire il mio cuore che battendo piu' piano la' dentro si perde Ora ti saluto, e' quasi sera e si fa tardi si va a vivere o a dormire da Las Vegas a Piacenza Fari per chilometri ti accecano testardi ma io sento che hai pazienza devi ancora sopportarci.

Three Horses

JOAN BAEZ "Blessed Are..."
(Words and Music by Joan Baez) In the early dawn a stallion white prances the hills in the morning light. His bridle is painted with thunder and gold, orchids and dragons, pale knights of old. He is the horse of the ages past. And now the children run to see the stallion on the hill, bringing bags of apples and of clover they have filled. And the white horse tells his stories of the days now past and gone and the children stand a-wondering believing every song. How brightly glows the past. When the sun is high comes a mare so red, trampling the graves of the living and dead. Her mantle is heavy with mirrors and glass, all is reflected when the red mare does pass. She is the horse of the here and now. And now there is confusion amongst the children on the hill. They cling to one another and no longer can be still. While the red mare's voice is trembling with a rare and mighty call, the children start remembering the bearers and the pall. And though their many-colored sweaters are reflected in the glass, and though the sun shines down upon them, they are frightened in the grass. How stark is the here and now. When night does fall comes a stallion black, so proud and tall he never looks back. He wears him no emeralds, silver and gold, not even a covering to keep him from cold. He is the horse of the years to come. And I will get me down before this steed upon my knees and sing to him the sorrows of a thousand centuries. And the children now will scatter as their mothers call them home, for the sadness of the evening horse no child has ever known. And I will hang about him a bell that's never rung and thank him for the many words which from his throat have never sprung. And I'll thank God and all the angels that the stallion of the evening, the black horse of the future, comes to earth but has no tongue. Â 1971 Chandos Music (ASCAP)

Tristetea Vehementa

Agathodaimon
Viata Dormiteaza Germinind Si-O Simt In Jur Universala Intr-o Nesfirsita Oboseala Si-n Absenta Ultimului Cind Iar Taina Aerului Otravit Intr-un Inceput De-nnoptare Alacelui Orizont Nemarginit Adoarme Fara Desteptare My ruined world 's denying the earthly time Drained of all emotions... Immortality: Now be mine! My ruined dreams - remains of tortured years Who will be left to wipe away my bitter tears? Words of sorrow... sail, travelling on cold winds Words of tranquility... fail, dancing on my wounded lips I'm dying mostly alone Within life's thin disguise And I can't tame the blood And the heart THEY have baptized The scars burn deeply into my soul My smile has lost it's brilliance My words become so trivial... Loosing all desire, Loosing all, but pride. Cu vehementa miniei tristetea Difuza se strecoara Printre-ncheieturi Ca un ghimpe de-otrava al florii vietii vestejite Moartea succede vietii, viata succede la moarte Alt sens u-are lumea asta, n-are akt slop si-alta soarta! ...Caci demult, aici, la marginea vietii Sub lumina siderala, nu mai traiesc in timp... Iar calendarul a reintrat in forma lui astrala Te vad, Te aud, te cuget, Tinara si dulce veste, dintr-un cer cu-alte stele cu alte vise si alti zei ...Pe drumuri delirind, pe-o vreme de toamna Ma urmareste-un Gind, Ce ma-ndeamna: Dispari cit mai curind! ...Caci visu-mi nu-i un dis pamintesc My ruined world's grasping for a mystic thought Though the soul's already tired of search My ruined dreams - Out of reach And the hopeless soul keeps on waiting, for whom? But who's to know?

Was it funny? Share it with friends!