Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

EROS RAMAZZOTTI lyrics

Solo Ieri

Original and similar lyrics
Solo ieri c'era lei, nella vita mia, solo ieri c'era un sole che metteva allegria e io mai credevo proprio che mai mai più andasse via Forse è stata tutta qui la mia ingenuità solo ieri quando era più leggera la mia età ora so, si paga in pianto però per crescere di più ora lo so parlerò al futuro perciò guarderò più in là nel tempo con la convinzione che ho che da questo momento ne uscirò No, non può finire così la vita inventerò ancora per un pò No, non può finir così qualcuno troverò e rinascerò Già, da domani in poi pensando ad oggi dirò e solo ieri ormai. Prima cosa che farò via non butterò tutto quello che di buono ho costruito fino a qui e da qui,io ripartire vorrei dai nuovi passi miei ricomincerò. Parlerò al futuro perciò perche c'è compreso il mio qualche idea in testa ce l'ho ad arrendermi, non ci sto No, non può finire così la vita inventerò ancora per un pò. No, che non può finire così non può finir perchè vedo che davanti a me un pò di luce c'è oohhh.. Un'altra luce c'è, per me. E allora no, non può finire qui la vita inventerò ancora per un pò. No che non può che non può finire così qualcuno troverò e rinascerò Già, da domani in poi pensando ad oggi dirò e solo ieri ormai Solo ieri c'era solo lei...

Mille Giorni Di Te E Di Me

Claudio Baglioni
Io mi nascosi in te poi ti ho nascosto da tutto e tutti per non farmi più trovare e adesso che torniamo ognuno al proprio posto liberi finalmente e non saper che fare... Non ti lasciai un motivo né una colpa ti ho fatto male per non farlo alla tua vita tu eri in piedi contro il cielo e io così dolente mi levai imputato alzatevi... Chi ci sarà dopo di te respirerà il tuo odore pensando che sia il mio io e te che facemmo invidia al mondo avremmo vinto mai contro un miliardo di persone e una storia va a puttane sapessi andarci io... Ci separammo un po' come ci unimmo senza far niente e niente poi c'era da fare se non che farlo e lentamente noi fuggimmo lontano dove non ci si può più pensare... Finimmo prima che lui ci finisse perché quel nostro amore non avesse fine volevo averti e solo allora mi riuscì quando mi accorsi che ero lì per perderti... Chi mi vorrà dopo di te si prenderà il tuo armadio e quel disordine che tu hai lasciato nei miei fogli andando via così come la nostra prima scena solo che andavamo via di schiena... Incontro a chi insegneremo quello che noi due imparammo insieme e non capire mai cos'è se c'è stato per davvero quell'attimo di eterno che non c'è... mille giorni di te e di me... Ti presento un vecchio amico mio il ricordo di me per sempre per tutto quanto il tempo in questo addio io mi innamorerò di te...

Un Uomo Solo

JULIO IGLESIAS
Combatto solo Continuamente solo Contro vento e da solo Sulla pelle in assolo. Ho avuto tanto Ma sorridendo ho pianto Toreo la vita Invidiato da gente Che sento mia Poi di abbraccio in abbraccio Gente impazzita Mi dà la mano Mi dà la vita E la fortuna Mi bacia in fronte Mi dice si Però quando fa giorno Mi sento solo Un vuoto dentro Non so che sia L'anima mia Che piange e grida Non sono che Un fiato solo Un cuore solo Un uomo solo. Vivo in un mondo Che ondeggia come il fumo Che muta al vento Che dà un profumo.

Dovevo Fare Del Cinema

Francesco Guccini
G.Allosio F.Guccini/G.Allosio Certo ha ragione il signore se dice che siamo in un film dell'ultimo periodo, dove i banditi pentiti confessano se non li processano e così fra le macchie di sangue la vita è la solita e fa audience se in più c'è la scena del killer che vomita. Sa com'è? E' bello fare del cinema anche se, lì da imputato c'è qualcuno che crede di esser nel cinema muto, è bello fare del cinema, ma piuttosto che sparare siam rimasti nascosti a guardare. A guardare cos'è che ci aspetta alla fine del tunnel, dei riflussi riflessi su certi pacchetti di Camel, quando tutto è soltanto un riassunto di modi di dire, quattro quarti di noia disposti comunque a finire; l'inflazione però non finisce e ci rende cattivi, non c'è niente che valga la pena e così siamo vivi. Ma che cos'è che ci fa fare del cinema? Forse questa depressione o l'istinto di conservazione. Noi, si va a fare del cinema, e quando vivere è un problema rifacciamo da capo la scena.. Sì devo dire che ha proprio ragione il signore, c'è una crisi tremenda che investe l'intero settore; è che il pubblico vuole si parli più semplicemente, così chiari e precisi e banali da non dire niente. Per capire la storia non serve un discorso più grande; signorina cultura si spogli e dia qui le mutande. Sa com'è, Lei, deve fare del cinema, mica roba pervertita, ma un soggetto che serva alla vita; facciamo tutti del cinema ma piuttosto che parlare si rimanga nascosti a pensare. Ma il gestore di un piccolo cine di periferia mi diceva che è tutta la vita che aspetta un'idea, un'idea piccolina che verso il finale si evolve, nella madre di tutte le storie, l'idea che risolve; quel soggetto che senti nell'aria e potrebbe arrivare proprio quando hai già chiuso il locale e cambiato mestiere: sa com'è, è bello fare del cinema, tanto sa: facciamo tutti del cinema.

Così Importante

LAURA PAUSINI "Resta In Ascolto"
Giorno dopo giorno Sento il tempo che mi sfugge fra le mani ed io Lì a rincorrere I miei pensieri i desideri Di questi anni a volte amari e senza regole Li ricorderai Come se fosse stato solo un sogno Vivere soltanto di quegli attimi E non cercarti piu´ Ma non è così importante Solo un attimo di forte nostalgia Scivolando negli sguardi fra la gente Io cammino indifferente per la via Colpa di un´estate Dei profumi di una notte di un momento che Non dimentico Guidati dalla voglia di sentirsi All´improvviso sempre piu´ vicini Così vicini che Adesso è troppo tardi per pensare Di dimenticarti e poi rinascere E non cercarti più Ma non so cos´è importante Se fidarmi o non fidarmi di te Di quel viso così impresso nella mente Non saprei ma ci penso sempre sai E non c´è niente Che cancelli il ricordo di te Di uno sguardo malinconico e sognante Dove sei dimmi adesso dove sei In un attimo ritorno al mio presente E vorrei che tu fossi ancora qui Tu che sei così importante Puoi sentire il mio bisogno di te Nei tuoi occhi vedo acqua trasparente Come un fiume travolgente dentro me

Due O Tre

Bucci Antonella
Melloni-Pizzoli-Zandonà-Lovecchio-Maggio Una vita sola non mi basta più ne voglio due o tre e ogni vita nuova qualche storia in più almeno due o tre brucerò tutto quello che avrò farò a pezzi il cuore allora un cuore solo non fa più per me ne voglio due o tre meglio ancora Un'estate all'anno cosa vuoi che sia ne voglio due o tre e le voglio belle piene di follie magari due o tre solo così e ogni giorno qualcosa di più più di una volta sola Due o tre chi l'ha detto che non si può fare due o tre dov'è scritto vietato volare ? Sogni così di quelli più fuori che puoi ne vorrei Due o tre meglio troppo che niente da fare due o tre chi l'ha detto vietato volare Due o tre non si può sempre stare a guardare due o tre dov'è scritto vietato volare

Was it funny? Share it with friends!