Deandre Fabrizio lyrics

Nell'acqua Chiara Della Fontana

Original and similar lyrics
Nell'acqua della chiara fontana lei tutta nuda si bagnava quando un soffio di tramontana le sue vesti in cielo portava dal folto dei capelli mi chiese per rivestirla di cercare i rami di cento mimose e ramo con ramo intrecciare volli coprire le sue spalle tutte di petali di rosa ma il suo seno era così minuto che fu sufficiente una rosa cercai ancora nella vigna perché a metà non fosse spoglia ma i suoi fianchi eran così minuti che fu sufficiente una foglia le braccia lei mi tese allora per ringraziarmi un po' stupita io la presi con tanto ardore che lei fu di nuovo svestita il gioco divertì la graziosa che molto spesso alla fontana tornò a bagnarsi pregando Dio per un soffio di tramontana.

Cos Mi Tieni

Articolo 31
Ti-tipa Né soldi né successo cambieranno mai quello che sei se ricorderai i posti da dove vieni e le storie a cui appartieni a me così che mi hai voluto a me così mi tieni. Io sono néssuno se tu sai come mi chiamo è solo grazie ad uno strano scherzo del destino conoscerai anche il suono o il nome Articolo 31 chiedo perdono ma ancora tu non sai chi sono sono la voce schizzata come i rollerblade nella hit-parade con un dj che manda stiloserie sul fade prima rap band italiana comparsa su The Vibe spaghetti funk made in best sound solo cremine e zero rime da discount scazzo l'mc clown vendo roba che non manda in down rimango sorridente alla faccia di chi scambiò per eccessivamente divertente un atteggiamento semplicemente strafottente ora che la storia si fa importante vado prepotente perdente nei panni di un vincente ma con comunque sempre chiaro in mente che sono il discendente di una stirpe di plebei cresciuto con i forse ed i vorrei di un figlio di operai senza i loro eroi né sacrifici ai loro dei la religione l'ho trovata equalizzando i bassi del mio hi-fi ora punta il dito se il pupazzo travestito da santone fa il tuo gioco io non l'ho seguito né educato né istruito sono il mutante generato dal cibo avvelenato con cui mi hai nutrito sono salito ma in basso dove la mia arte vi ha colpito e non passo dalla parte del nemico e adesso gioco con la sorte a carte sul piatto ho messo la mia vita come invito proprio come è sempre stato né soldi né successo cambieranno mai rimarrò il signor nessuno ma ora datemi del lei intellettualoidi ipocriti alternativi ermetici dai trascorsi nei discorsi contro radio e televisioni siete comici ora insieme a grossi discografici a tentare di mangiare po' della mia colazione sotto il tavolo a sbavare come un cane vi rimarranno quattro briciole di pane se voi scodinzolanti leccaculo date un nuovo nome alla voce del padrone io sono il bastone quello di prima ho solo mosso la pedina scacco matto all'mc babbo e mi son fatto la regina abbondante la mia cena vi lascio l'acquolina io sarò un signore voi punk da copertina e nel mio campo non fate rumore valletta gira sta casella sono io il presentatore il sabotatore in questo music business falso io rappresento per le persone vere per il quartiere giornalisti dotti venite alla lavagna io sono il professore sono la rogna il funktabbozzo alcolico cannabistico tossico di succo di brogna io sono l'argomento per lo svolgimento dei vostri temi cari miei arroganti sapientoni e nonostante usiate paroloni quando è un b.boy che li corregge sono solo strafalcioni e tieni per te la teoria non serve senza pratica e quella è materia mia e di chi viaggia nella mia corsia tipa vivo immerso nel rancore tipo e questo non lo cambiano le foto sul giornale le chiavate con modelle o belle stelle della tele resto sempre Ale lo sfigato lo sconfitto con la mia vita in affitto e con scritto in fronte derelitto cerco riscatto insieme al mio dj e questa è una delle cose che non cambieranno mai né soldi né successo cambieranno mai quello che sei se ricorderai i posti da dove vieni e le storie a cui appartieni a me così che mi hai voluto a me così mi tieni Voglio viziare i miei figli tipo riccie rich avere una villa a Miami beach rendere trandy il chich vedere più bikini nei miei video che in Baywatch essere diffuso tipo gli Swatch squadre di pulcini mc ecco il coatch J Ax ovvero l'animale da bar più duro d'ammazzare di Bruce Willis in Die Hard ringrazio J-A-D perché sono il Michael Night del beat e questa qui è la mia super car e né soldi né successo cambieranno mai che me la sciallo sulla base come Magnum p.i. sulla Ferrari dentro al blues come la soda nel campari patti chiari con amici veri miei pari in quanto pari nei valori e quando canto loro fanno i cori fuori sento blaterare di smanie di soldi e successo ma tutto quello che c'ho adesso lo devo all'hip hop e lo rappresento ancora più di prima ora che dalla cantina siamo arrivati in cima so quanto ce ne vuole non succede subito devi trovare il giusto metodo se rappresenti solo business io continuo a dare credito in quanto sono in debito quando dedico ai miei soma del quartiere ai miei soma della crew a chi crede nel rap a chi crede nella break ai seguaci del fat cap perché senza di loro nonostante i dischi d'oro noi saremmo zero e una va per dj Jad con il giusto cat per Raptus Sten Mec tdk riempite questa città di trow-up bella sgab Chicca Calo Mauro e la Baranza crew Alberto Luca e i fratelli della doppia q la gente del caffè in cui vado tutte le sere Mauri Nico Sabi bella Jas riempimi il bicchiere un bacio ad ogni signorina alla passera per prima in quanto una regina resta una regina per Umberto Zappa che ci registra il suono per Franco Godi che è stato e sarà sempre il primo Giacomo il fiorentino sul computer fuso tutta la Best Sound nessuno escluso Zippo in abbuamento fisso facciamoci sto fra amici ieri come adesso Spaghetti Funk funk club funky lobby latin lover per natura scazza mc per hobby ueh bella Spazio Uno Thema Grido Gigi Strano Vale col suo funkynano confezioniamo funkysuono che come il salame del Duilio e nostrano e ‘o facciamo più strano di Jessica e Ivano insieme a Thg Guinnes fissa in mano Huda l'egiziano… e tutti i soci che Chif a in giro per Milano noi ci siamo e non cambiamo come il muro in via Pontano e ti ho stupito fin dal primo senti qua e se il b.boy dell'ultim'ora parla non lo sa che io sono il suo papà tipa l'ho partorito quando è uscito Strade di città e né soldi né successo cambieranno mai quello che sei se ricorderai i posti da dove vieni e le storie a cui appartieni a me così che mi hai voluto a me così mi tieni né soldi né successo cambieranno mai quello che sei se ricorderai i posti da dove vieni e le storie a cui appartieni a me così che mi hai voluto a me così mi tieni è così che mi tieni tipa si chiude l'era di Così com'è bella per AL Master Freez Francesco Diana Nepa Paolo Brera alle Wonderbra Fausto Togliati Hobo Jonny Spaccaconi… Al dj Vincenzo coi Ridillo Wlady Fly Cat La Famiglia di Napoli Bella per l'intro… E bella anche al Borelz Alla Zulu Nation Everlast questa è la Spaghetti Funk si chiude l'era di Così com'è e se ne apre un'altra e sono cazzi tuoi…

Dolce Far Niente

Jovanotti
Mare bagnasciuga carezza che ti bagna fiocco di neve cade come piuma sopra la montagna torrente d'acqua da bere con le mani parco cittadino bella ragazza che gioca con i cani ospitalità dolce benvenuto trasformare in melodia lo strascico di uno starnuto salute! niente medicine con il mio aeroplano sorvolare sulle tue colline atterrarti morbido sopra le tue guance rubo da mogol quella metafora delle due arance ascoltare il padreterno che improvvisa jazz vento sulle foglie che frusciando caccian via lo stress starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce rimandare stare con i piedi penzoloni guardando il mondo girare andare andare aspettare dolcemente l'ora di mangiare guardare l'erba crescere e l'acqua evaporare tranquillamente all'ombra di una fresca brezza farsi accarezzare dare forma tonda a bolle di pensieri che scoppiano nell'aria non appena si fan troppo seri o troppo pesi starsene leggeri trasformare le ore in mesi come foglia lungo il fiume dentro la corrente dolcemente arresi siiii starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce respirare con il braccio fuori dal finestrino farsi trasportare dalla riga bianca in mezzo al nero delle strade stare come un fiore nella pioggia di quello che accade sentir gli odori la merda dei porcili confondersi con il profumo d'erba di infiniti aprili e starsene così come non sta chi c'ha da fare con il volante tra le mani e il ritmo che ti fa dondolare niente male dondolare sentirsi come sale silenziosi dentro un grande mare sì starsene così con in faccia un sì fino a lunedì dolce fare niente dolce rimandare dolce far vacanza senza viaggi da organizzare agenzie turistiche sudori d'aeroplano dogane e pizzerie sempre più uguali più si va lontano vivere su Marte cambiare l'atmosfera respirare ossigeno respirare ossigeno ed espirare pura primavera pura primavera primavera un due tre che giorno è

L'Incontro

ANDREA BOCELLI "Cieli Di Toscana"
Mentre, come un gigante, fra le braccio Fiero e felice stringo il mio piccino E il corpicino tenero, innocente, Fragile e vivo come un uccellino Contro il mio petto preme, Abbandonato, quieto e sicuro Mezzo addormentato, per qualche istante, quasi dolcemente M’appare come in sogno il mio destino. Così mi vedo vecchio e rassegnato Seduto là, nel canto del camino Ad aspettar con l’ansia d’un bambino, la sera Per vederlo all’improvviso Rientrare con il dono d’un sorriso D’una parola, d’una gentilezza È come una promessa che consola La gioia immensa di una sua carezza Poi mi riscuoto e già ho dimenticato Ma dentro di me, l’anima rapita M’avverte che quel bimbo appena nato Già vale più della mia stessa vita. .. e restai davanti a lui per un po’ e ascoltai nell’aria poi l’afferai Lui aprì la mano e poi mi toccò il naso sfiorò la bocca Io l’abbracciai ed il mondo girò di più Intorno a noi ogni cosa poi fiorì E restai davanti a lui per un po’ E fu li che il tempo ci ritrovò Lui aprì la mano e poi mi toccò il naso ed io sorrisi Io l’abbracciai ed il mondo girò di più Intorno a noi ogni cosa poi fiorì Il mondo è un puntino di luce blu Che gira e va con il soffio degli angeli Io l’abbracciai ed il mondo girò di più Che gira e va con il soffio degli angeli Io l’abbracciai e restai così, così

Canzoni Stonate

ANDREA BOCELLI "Amore"
Canto solamente insieme a pochi amici Quando ci troviamo a casa e abbiam bevuto Non pensare che ti abbiam dimenticato Proprio ieri sera parlavamo di te Camminando verso casa mi sei tornata in mente A letto mi son girato e non ho ditto niente E ho ripensato alla tua voce così fresca e strana Che dava al nostro gruppo qualcosa di più Enrico che suona, sua moglie fa il coro Giovanni come sempre ascolta stonato com’è Canzoni d’amore che fanno ancora bene al cuore Noi stanchi ma contenti Se chiudi gli occhi forse tu ci senti anche da lì L’altra domenica siamo andati al lago Ho preso anche un luccio grande Che sembrava un drago Poi a sera in treno abbiam cantato piano Quell pezzo Americano che cantavi tu Canzoni stonate parole sempre un po’sbagliate Ricordi quante serate passate così Se chiudi gli occhi forse tu ci senti anche da lì Canzoni d’amore che fanno ancora bene al cuore diciamo quasi sempre qualche volta no qualche volta no Canzoni stonate parole sempre un po’sbagliate Ricordi quante serate passate così

Per Noi

ANDREA BOCELLI "Andrea"
Per noi Pensai Quante cose che tu non sai Un diverso amore cosi Che non voglio perderti mai Calde perle sul tuo viso Lacrime che io raccogliero' Sorriderai Nelle mie promesse nuove Queste mie parole sentirai Oneste ormai Noi cosi di spalle al mondo Qui di fronte ad un tramonto che Ascolterai Suono della vita che serenamente si distenderà E capirai Scure le tempeste estive Restano un ricordo che non è E sentiro' Suoni nel tramonto adesso E tempo di restare insieme a te Adesso qui Che stringersi non è dividersi di nuovo se vorrai Per noi lo sai da lontano io carezzai un diverso amore così nell'idea ancora di te … le tue labbra coralline dischiudevi piano su di me coi baci tuoi lui così di spalle al mondo mentre scorre lento sento che ascolterai suoni nel tramonto adesso è tempo di restare insieme a te e capirai che stringersi non è dividersi di nuovo se vorrai per noi saprei crescere qui dentro di me un diverso amore così prendo tutto quello che sei tu qui …

Was it funny? Share it with friends!