Interested in Cryptocurrency?
Visit best CoinMarketCap alternative. Real time updates, cryptocurrency price prediction...

Battiato Franco lyrics

La Canzone Dei Vecchi Amanti (La Chanson Des Vieux)

Original and similar lyrics
Certo ci fu qualche tempesta anni d'amore alla follia. Mille volte tu dicesti basta mille volte io me ne andai via. Ed ogni mobile ricorda in questa stanza senza culla i lampi dei vecchi contrasti non c'era più una cosa giusta avevi perso il tuo calore ed io la febbre di conquista. Mio amore mio dolce meraviglioso amore dall'alba chiara finché il giorno muore ti amo ancora sai ti amo. So tutto delle tue magie e tu della mia intimità sapevo delle tue bugie tu delle mie tristi viltà. So che hai avuto degli amanti bisogna pur passare il tempo bisogna pur che il corpo esulti ma c'é voluto del talento per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti. Mio amore mio dolce mio meraviglioso amore dall'alba chiara finché il giorno muore ti amo ancora sai ti amo. Il tempo passa e ci scoraggia tormenti sulla nostra via ma dimmi c'é peggior insidia che amarsi con monotonia. Adesso piangi molto dopo io mi dispero con ritardo non abbiamo più misteri si lascia meno fare al caso scendiamo a patti con la terra però é la stessa dolce guerra. Mon amour mon doux, mon tendre, mon merveilleux amour de l'aube claire jusqu'à la fin du jour je t'aime encore, tu sais, je t'aime.

Mitico Amore

Antonello Venditti
Mitico amore Dove sei stato Sei nel presente o nel passato Sei tutto intero o sei ferito E quante volte mi hai tradito Sono le lacrime che fanno male Quando mi stringi sul tuo cuore Sono due lacrime che ci dividono Quando mi prendi e gridi amore Mitico amore Dove sei stato Sei come un angelo smarrito Chi ti ha spezzato, chi ti ha colpito Se questa notte chiedi aiuto E' ritornato il tempo di stare ancora insieme Di restare qui Come ogni notte ad aspettarti Si io resto qui mitico amore Amore, amore amore, io ti ringrazio Di questo tempo e questo spazio Mitico sogno dell'universo Ecco mi sono ancora perso E' ritornato il tempo di stare ancora insieme La notte passerà e non avrei paura Di restare qui dentro il mio sogno ad aspettarmi Si io resto qui mitico amore

Un Giorno Senza Te

LAURA PAUSINI "Le Cose Che Vive"
Non scherzare sono triste Non ho voglia di mentirti ormai Questa volta non so dirti Se l'amore che mi dai È abbastanza per noi Tu tu tu tu Dammi il tempo di capire Cosa vedo veramente in te. Se ti ho amato un momento, Se il tuo sole si e già spento in me. Perché di te ho bisogno, Si ma quanto non lo so E così non riesco a vivere, Se ci penso quanti dubbi ho. Un giorno senza te Mi fara bene Potrei scoprire che È meglio insieme. Un giorno senza te La soluzione per non lasciarsi... ora Che confusione c'è Tra testa e cuore, È un labirinto che Mi fa sbandare, Vorrei scappare via Anche da te Oh no non odiarmi se puoi Tu tu tu tu Dammi un giorno tu tu tu Sto cambiando e i ricordi Fanno a pugni coi desideri miei, Anche adesso non ti sento C'è il deserto nei miei giorni ormai Perché io avevo un sogno E dov'è andato non lo so E così non riesco a vivere Io ti prego non mi dire di no. Un giorno senza te Per non restare Ancora insieme se Non c'è più amore Un giorno senza te La soluzione per non morire... ancora Perché qui amore mio, Non stiamo in piedi E te lo dico io Se non ci credi. E forse è già un addio Comunque sia così fa male. Dammi un giorno, senza te Per non morire no non morire no Che confusione c'è tra testa e cuore È un labirinto che fa sbandare. Un giorno senza te Anche se, mi fa male. Oh no Solo un giorno Oh no.

Vite

Adriano Celentano
Mi affascina il mistero delle vite che si dipanano lungo la scacchiera i giorni e strade, foto scolorite memorie di vent'anni, di una sera Mi coinvolge l'eterno gocciolare del tempo sopra il viso di un passante e il chiedermi se nei suoi tratti appare l'insulto di una morte o di un amante Il mondo visto con gli occhi asfaltati Rincorrendo il balletto delle ore Noi che sappiamo dove siamo nati ma non sapremo mai dove si muore Mi piace rovistare nei i ricordi di altre persone, inverni o primavere per perdere o trovare dei raccordi nell'apparente caos di un rigattiere Quadri per cui qualcuno è stato in posa Un cannocchiale che ha guardato un punto Un mappamondo due bijoux una rosa Ciarpame un tempo bello e ora consunto Oggetti che qualcuno ha forse amato ora giaccion lì senza padrone senza funzione, senza storia o stato nell'intreccio di caso o di ragione E la mia vita cade in altre vite ed io mi sento solamente un punto lungo la retta lucida e infinita di un meccanismo immobile e presunto Tu sei quelli che son venuti prima che in parte hai conosciuti e quelli dopo che non conoscerai come una rima vibrante, bella, però senza scopo Non saprai e non sai questo dolore che vagli tra le maglie di un tuo cribro svanisce un po' nel contemplare un fiore si scorda fra le pagine di un libro Perchè non si fa a meno di altre vite anche rubate a pagine che sfogli oziosamente e ambiguo le hai assorbite da fantasmi inventati che tu spogli Rivestendoti in loro piano piano come se ti scoprissi in uno specchio l'uomo Dublino o l'ultimo mohicano che ai 25 si sentiva vecchio Perchè la nostra è insufficiente appena ne mescoliamo inconsciamente il senso siamo gli attori ingenui su una scena di un palcoscenico misterioso... e immenso

Ricordati Di Me

Antonello Venditti
Ricordati di me, questa sera che non hai da fare, e tutta la città è allagata da questo temporale e non c'è sesso e non c'è amore, né tenerezza nel mio cuore. Capita anche a te di pensare che al di là del mare vive una città dove gli uomini sanno già volare, e non c'è sesso senza amore, nessun inganno nessun dolore, e vola l'anima leggera. Sarà quel che sarà, questa vita è solo un'autostrada, che mi porterà alla fine di questa giornata, e sono niente senza amore, sei tu il rimpianto e il mio dolore che come il tempo mi consuma. Lo sai o non lo sai, che per me sei sempre tu la sola, chiama quando vuoi, basta un gesto forse una parola, che non c'è sesso senza amore, è dura legge nel mio cuore, che sono un'anima ribelle. Ricordati di me, della mia pelle, ricordati di te com'eri prima, il tempo lentamente ti consuma. Ma non c'è sesso e non c'è amore, ne tenerezza nel tuo cuore che raramente s'innamora. Ricordati di me, quando ridi, quando sei da sola, fidati di me, questa vita e questo tempo vola. Ah ah ah ah.

I Giardini Di Marzo

Lucio Battisti "Si Viaggiare 1972-1977"
Il carretto passava e quell' uomo gridava 'gelati!' al ventuno del mese i nostri soldi erano già finiti io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti il più bello era nero e coi fiori non ancora appassiti All' uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli poi sconfitto tornavo a giocar con la mente e i suoi tarli e la sera al telefono tu mi chiedevi: perchè non parli? Che anno è, che giorno è questo è il tempo di vivere con te le mie mani come vedi non tremano più e ho nell' anima in fondo all' anima cieli immensi, e immenso amore e poi ancora ancora amore amor per te fiumi azzurri e colline e praterie dove corrono dolcissime le mie malinconie l' universo trova spazio dentro me ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è. I giardini di marzo si vestono di nuovi colori e le giovani donne in quel mese vivono nuovi amori camminavi al mio fianco ad un tratto dicesti: tu muori Se mi aiuti son certa che io ne verro fuori! Ma non una parola chiarì i miei pensieri continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri Che anno è, che giorno è questo è il tempo di vivere con te le mie mani come vedi non tremano più e ho nell' anima in fondo all' anima cieli immensi, e immenso amore e poi ancora ancora amore amor per te fiumi azzurri e colline e praterie dove corrono dolcissime le mie malinconie l' universo trova spazio dentro me ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è.

Was it funny? Share it with friends!