ANDREA BOCELLI lyrics - Viaggio Italiano

Piscatore 'e Pusilleco

Original and similar lyrics
Piscatore ‘e stu mare ‘e Pusilleco ch ‘ogne notte mme siente ‘e canta piscato, sti pparole so’ lacrene pe’ Maria ca luntana mme sta! Dorme ‘o mare...voca, voca Tutt’e pace attuorno a me... Ma pecche, ma pecche mm’he lassato mentr’io moro, stannote, pe’ te? Cassarella d’ ‘o Capo ‘e Pusilleco, sponta ‘a luna e te vene a vasa Quanta notte aggio perzo guardanotte, quanta juorne aggio visto schiara! Dorme ‘o mare...voca, voca Tutt’e pace attuorno a me... Ma pecche, ma pecche mm’he lassato mentr’io moro, stannote, pe’ te? Zitto oje core, ca ‘nterra Pusilleco, veco n’ombra ca segno mme fa Na manella e na voce mme chiamano: fra sti bracce Maria vo’ turna Dorme ‘o mare...Oje belle viene ‘ncielo ‘a luna saglie e va. Vita mia! Vita mia mme vuo’ bene Ca is e suonno nun farme sceta. Dorme ‘o mare...voca, vo’

Everybody In The Casa Mare

Zdob Si Zdub
Everybody in the casa mare Hei, noroc, oameni buni! Everybody in the casa mare! Asa noi traim - Un pahar de vin sa cinstim Despre viata noastra sa vorbim Brutto-netto, tariasca etno! Sa rasune doba lui Tudorica de la Prut Cu care canta Zdob si Zdub De unde se vede Dunarea Si vocea mea rasuna asa tare! Incalec pe soare Calare, Ia mai zi mai , lautare din Clejani O doina cu voce plina de sincer Pentru guys from New-York city Cu Doberman pincer ! Dimineata pe racoare Eu stau cu fata la soare Si ma uit pe cerul mare Dimineata pe racoare Asculta frate, biciul bate, Caruta merge mai departe Haide, haide, minus-plus, apasa pe fuzz Sa inceapa natural blues - Cantec de jale! Vrei sa faci o balada, s-o faci , s-o inveti Cu bucurie lumea s-o distrezi? Asa zicea Culaie : strigatura strigatura, Fac doi pasi si-o saritura, hop asa! Hai, mai Mihai, iauzida, pune un CD Pe care canta Cacurica MC Ca asta-I hora horelor, dragostea DJ-elior Care canta oilor cu cimpoiul mieilor. Muzica e viata noastra, discul se-nvarteste, Lumea iubeste, intr-o casa mare traiesete, Cu vioara vorbeste si se-aude tare ca la cheful mare Hai mai lautare! Dimineata pe racoare Eu stau cu fata la soare Si ma uit pe cerul mare Dimineata pe racoare Mai beau un vin rosu, Visez, despre viata nostra mai departe mixez. Vine toamna , curge vinul Sare pestele , creste pelinul… Pas, pas cu pas mergem la Hollywood Unde va canta formatia ZSZ Cu Taraful de Haiduci Si prietenul lor Johnny Depp , Toti impreuna sa facem rap! Mahalaua stie ce show o sa fie! Viata noastra e ca drumul lung, Apuca-te frate de plug! Sa – nfloreasca etno! Ma cheama Romala, Traiesc la ghetto , Va spun tuturor - la revedere! Ia zi, mai Vicosh , ca lumea cere o melodie frumoasa Pentru inima si suflet aleasa!

Canzone Della Bambina Portoghese

Francesco Guccini
Canzone della bambina portoghese (Francesco Guccini) E poi e poi, gente viene qui e ti dice Di sapere gia' ogni legge delle cose E tutti, sai, vantano un orgoglio cieco di verita' fatte di formule vuote E tutti, sai, ti san dire come fare, Quali leggi rispettare, quali regole osservare, Qual e' il vero vero, E poi, e poi, tutti chiusi in tante celle, Fanno a chi parla piu' forte Per non dir che stelle e morte fan paura. Al caldo del sole, al mare scendeva la bambina portoghese Non c'eran parole, rumori soltanto come voci sospese. Il mare soltanto, e il suo primo bikini amaranto, Le cose piu' belle e la gioia del caldo alla pelle. Gli amici vicino sembravan sommersi dalla voce del mare; O sogni o visioni qualcosa la prese e si mise a pensare; Senti' che era un punto al limite di un continente, Senti' che era un niente, l'Atlantico immenso di fronte. E in questo sentiva qualcosa di grande Che non riusciva a capire, che non poteva intuire; Che avrebbe spiegato, se avesse capito lei, e l'oceano infinito; Ma il caldo l'avvolse, si senti' svanire e si mise a dormire. E fu solo del sole, come di mani future. Restaron soltanto il mare e un bikini amaranto. E poi e poi, se ti scopri a ricordare, Ti accorgerai che non te ne importa niente. E capirai che una sera o una stagione Son come lampi, luci accese e dopo spente. E capirai che la vera ambiguita' E' la vita che viviamo, il qualcosa che chiamiamo esser uomini, E poi, e poi, che quel vizio che ci uccidera' Non sara' fumare o bere, ma il qualcosa che ti porti dentro, Cioe' vivere.

Caruso

Russell Watson
Qui dove il mare luccica, e tira forte il vento su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento un uomo abbraccia una ragazza dopo che aveva pianto poi si schiarisce la voce, e ricomincia il canto. Te voglio bene assai ma tanto tanto bene sai e una catena ormai che scioglie il sangue dint'e vene sai... Vide le luci in mezzo al mare, penso alle notti la in America ma erano solo le lampare e la bianca scia d'un elica senti il dolore nella musica, e si alzo dal pianoforte ma quando vide la luna uscire da una nuvola, gli sembro piu dolce anche la morte guardo negli occhi la ragazza, quegli occhi verdi come il mare poi all'improvviso usci una lacrima e lui credette di affogare. Te voglio bene assai ecc. Poi penso alla lirica, e al grande palco che con un po' di trucco e con la mimica puoi diventare un altro ma due occhi che ti guardano, cosi vicini e veri ti fan scordare le parole, o in fondo i tuoi pensieri cosi diventa tutto piccolo, anche le notti la in America ti volti e vedi la tua vita, come la scia d'un elica ma si, e la vita che finisce, ma lui non ci pensava tanto anzi, si sentiva gia felice, e ricomincio il suo canto. Te voglio bene assai, ecc.

Com'e Profondo Il Mare

Dalla Lucio "Best Of"
Siamo noi, siamo in tanti Ci nascondiamo di notte Per paura degli automobilisti Degli inotipisti Siamo i gatti neri Siamo i pessimisti Siamo i cattivi pensieri E non abbiamo da mangiare Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare Babbo, che eri un gran cacciatore Di quaglie e di faggiani Caccia via queste mosche Che non mi fanno dormire Che mi fanno arrabbiare Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare E' inutile Non c'è più lavoro Non c'è più decoro Dio o chi per lui Sta cercando di dividerci Di farci del male Di farci annegare Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare Con la forza di un ricatto L'uomo diventò qualcuno Resuscitò anche i morti Spalancò prigioni Bloccò sei treni Con relativi vagoni Innalzò per un attimo il povero Ad un ruolo difficile da mantenere Poi lo lasciò cadere A piangere e a urlare Solo in mezzo al mare Com'è profondo il mare Poi da solo l'urlo Diventò un tamburo E il povero come un lampo Nel cielo sicuro Cominciò una guerra Per conquistare Quello scherzo di terra Che il suo grande cuore Doveva coltivare Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare Ma la terra Gli fu portata via Compresa quella rimasta addosso Fu scaraventato In un palazzo,in un fosso Non ricordo bene Poi una storia di catene Bastonate E chirurgia sperimentale Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare Intanto un mistico Forse un'aviatore Inventò la commozione E rimise d'accordo tutti I belli con i brutti Con qualche danno per i brutti Che si videro consegnare Un pezzo di specchio Così da potersi guardare Com'è profondo il mare Com'è profondo il mare Frattanto i pesci Dai quali discendiamo tutti Assistettero curiosi Al dramma collettivo Di questo mondo Che a loro indubbiamente Doveva sembrar cattivo E cominciarono a pensare Nel loro grande mare Com'è profondo il mare Nel loro grande mare Com'è profondo il mare E' chiaro Che il pensiero dà fastidio Anche se chi pensa E' muto come un pesce Anzi un pesce E come pesce è difficile da bloccare Perchè lo protegge il mare Com'è profondo il mare Certo Chi comanda Non è disposto a fare distinzioni poetiche Il pensiero come l'oceano Non lo puoi bloccare Non lo puoi recintare Così stanno bruciando il mare Così stanno uccidendo il mare Così stanno umiliando il mare Così stanno piegando il mare

Three Horses

JOAN BAEZ "Blessed Are..."
(Words and Music by Joan Baez) In the early dawn a stallion white prances the hills in the morning light. His bridle is painted with thunder and gold, orchids and dragons, pale knights of old. He is the horse of the ages past. And now the children run to see the stallion on the hill, bringing bags of apples and of clover they have filled. And the white horse tells his stories of the days now past and gone and the children stand a-wondering believing every song. How brightly glows the past. When the sun is high comes a mare so red, trampling the graves of the living and dead. Her mantle is heavy with mirrors and glass, all is reflected when the red mare does pass. She is the horse of the here and now. And now there is confusion amongst the children on the hill. They cling to one another and no longer can be still. While the red mare's voice is trembling with a rare and mighty call, the children start remembering the bearers and the pall. And though their many-colored sweaters are reflected in the glass, and though the sun shines down upon them, they are frightened in the grass. How stark is the here and now. When night does fall comes a stallion black, so proud and tall he never looks back. He wears him no emeralds, silver and gold, not even a covering to keep him from cold. He is the horse of the years to come. And I will get me down before this steed upon my knees and sing to him the sorrows of a thousand centuries. And the children now will scatter as their mothers call them home, for the sadness of the evening horse no child has ever known. And I will hang about him a bell that's never rung and thank him for the many words which from his throat have never sprung. And I'll thank God and all the angels that the stallion of the evening, the black horse of the future, comes to earth but has no tongue. Â 1971 Chandos Music (ASCAP)

Was it funny? Share it with friends!