ANDREA BOCELLI lyrics - Andrea

Per Noi

Original and similar lyrics
Per noi Pensai Quante cose che tu non sai Un diverso amore cosi Che non voglio perderti mai Calde perle sul tuo viso Lacrime che io raccogliero' Sorriderai Nelle mie promesse nuove Queste mie parole sentirai Oneste ormai Noi cosi di spalle al mondo Qui di fronte ad un tramonto che Ascolterai Suono della vita che serenamente si distenderà E capirai Scure le tempeste estive Restano un ricordo che non è E sentiro' Suoni nel tramonto adesso E tempo di restare insieme a te Adesso qui Che stringersi non è dividersi di nuovo se vorrai Per noi lo sai da lontano io carezzai un diverso amore così nell'idea ancora di te … le tue labbra coralline dischiudevi piano su di me coi baci tuoi lui così di spalle al mondo mentre scorre lento sento che ascolterai suoni nel tramonto adesso è tempo di restare insieme a te e capirai che stringersi non è dividersi di nuovo se vorrai per noi saprei crescere qui dentro di me un diverso amore così prendo tutto quello che sei tu qui …

Black Out

Francesco Guccini
F.Guccini La luce è andata ancora via, ma la stufa è accesa, e così sia a casa mia tu dormirai, ma quali sogni sognerai con questa luna che spaccherà in due le mie risate e le ombre tue i miei cavalli ed i miei fanti, il tuo essere sordo ed i tuoi canti tutti i ghiaccioli appesi ai fili, tutti i miei giochi e i tuoi monili i campanili, i pazzi, i santi e l'allegria. E non andrà il televisore; cosa faremo in queste ore? rumore attorno non si sente, giochiamo a immaginar la gente corriamo a fare gli incubi indiscreti, curiosi d'ozi e di segreti, di quei pensieri quotidiani che a notte il sonno fa lontani o che nei sogno sopra a un viso, diventan urlo od un sorriso il paradiso, inferno, mani, l'odio e amore. Avessi sette vite a mano, in ogni casa entrerei piano e mi farei fratello o amante, marito, figlio, re, brigante o mendicante o giocatore poeta, fabbro, papa, agricoltore. Ma ho questa vita e il mio destino e ora cavalco l'Appennino e grido al buio più profondo la voglia che ho di stare al mondo in fondo è proprio un gran bel gioco a fare l'amore tanto e non bere poco. E questo buio, che sollievo, ci dona un altro medio-evo io levo dall'oscurità tutta la nostra civiltà velocità di macchine a motore, follia di folla e di rumore e metto ritmi più lontani, di bestie, legni e suoni umani odore d'olio e di candele, fruscio di canapi e di vele il miele, il latte, i pani e il vino vero. Ma chissà poi se erano quelli davvero tempi tanto belli o caroselli che giriamo per l'incertezza che culliamo in questa giostra di figure e suoni, di luci e schermi da illusioni di baracconi in bene o in male, di eterne fughe dal reale che basta un po' d'oscurità per darci la serenità semplicità, sapore sale e ritornelli. Non voglio tante vite a mano, mi basta questa che viviamo comuni giorni intensi o pigri, gli specchi ambigui dei miei libri le tigri della fantasia, tristezze ed ottimismo ed ironia. Ma quante chiacchiere stavolta, che confusione a ruota sciolta io so che è un pezzo che parliamo, ma è tanto bello non dormiamo beviamo ancora un po' di vino, che tanto tra due sorsi è già mattino. Su sveglia e guardati d'attorno, sta già arrivando il nuovo giorno lo storno e il merlo son già in giro, non vorrai fare come il ghiro non c'è black-out e tutto è ormai finito, e il vecchio frigo è ripartito con i suoi toni rochi e tristi scatarra versi futuristi lo so siam svegli ormai da allora, ma qualche cosa manca ancora finiamo in gloria amore mio, e dopo, a giorno fatto, dormo anch'io.

Quasi Amore

EROS RAMAZZOTTI "Dove C' E Musica"
Lasciami qui al buio ancora un pò lasciami così come sto di dover uscire allo scoperto non me l'aspettavo così presto propio no... E mi trova impreparato sai questo tiro al cuore che mi fai io così prudente sai perché non ho dimenticato più le batoste prese già e se non sbaglio anche tu... Abbiamo storie franate dietro noi storie di amori scoppiati abbiamo detto E' meglio aspettare poi abbiamo detto parole chiare... Stare insieme io e te senza legarsi mai senza sbilanciarsi mai temi che non sia così temi che non sia così ho paura anch'io di sì adesso che è quasi amore sì adesso che è quasi amore ci spaventa sai disortienta sai... Temi che non sia così ho paura anch'io di sì Abbiamo storie franate dietro noi storie di amori scoppiati abbiamo detto E' meglio aspettare poi abbiamo detto parole chiare Lasciami qui al buio ancora un pò forse questo fuoco che ora c'è finirà per spegnersi da sé Temi che non sia così temi che non sia così ho paura anch'io di sì adesso che sì adesso che sì adesso che sì adesso che è quasi amore

In Assenza Di Te

LAURA PAUSINI "La Mia Risposta"
Io come un albero nudo senza te senza foglie e radici ormai abbandonata così per rinascere mi servi qui Non c'è una cosa che non ricordi noi in questa casa perduta ormai mentre la neve va giù è quasi Natale e tu non ci sei più E mi manchi, amore mio tu mi manchi come quando cerco Dio e in assenza di te io ti vorrei per dirti che tu mi manchi amore mio il dolore è forte come un lungo addio e l'assenza di te è un vuoto dentro me Perché di noi è rimasta l'anima ogni piega, ogni pagina se chiudo gli occhi sei qui che mi abbracci di nuovo così E vedo noi stretti dentro noi legati per non slegarsi mai in ogni lacrima tu sarai per non dimenticarti mai E mi manchi, amore mio così tanto che ogni giorno muoio anch'io ho bisogno di te di averti qui per dirti che Tu mi manchi, amore mio il dolore è freddo come un lungo addio e in assenza di te il vuoto è dentro me Tu mi manchi, amore mio e mi manchi come quando cerco Dio ho bisogno di te di averti ancora qui con me E mi manchi, amore mio così tanto che vorrei seguirti anch'io e in assenza di te il vuoto è dentro me Grido il bisogno di te perché non c'è più vita in me Vivo in assenza di te in assenza di te

Chiedimi Scusa

Cattivi Pensieri
Amore chiedimi scusa lo sai mi hai proprio delusa e adesso sono confusa xche' il mio cuore ti accusa xche' mi sento ferita ingannata e non so se riusciro' a perdonarti x sempre... Amore chiedimi scusa se mi vuoi proprio lasciare dimmi xche' vuoi scappare se litighiamo e' normale forse xche' c'e' gia' un'altra che e' piu' brava di me che non ti cambia prende quello di ieri o forse vuoi stare solo xche' questo e' un brutto momento e ti senti un po' spento... Non te ne andare perche' stasera Ti giochi la faccia sai se e' un'altra storia che fai per farmi star male per farmi star male amore tutta la vita premio partita se vai non cercarmi piu' sara' la guerra del cuore vinca il migliore... Non mi chiamare piu' amore me lo dicevi per ore e adesso e' solo una scusa ... xche' il mio cuore ti accusa xche' mi sento ferita ingannata e non so se riusciro' a perdonarti x sempre... Non te ne andare xche' stasera ti giochi la faccia sai se e' un'altra storia che fai x farmi star male e adesso sto male amore tutta la vita premio partita se vai non cercarmi piu' sara' la guerra del cuore vinca il migliore adesso che siamo soli adesso che siamo soli soli adesso che siamo soli soli adesso che siamo soli.... che cosa faremo soli...

Eskimo

Francesco Guccini
Eskimo (Francesco Guccini) Questa domenica in Settembre non sarebbe pesata cosi' l'estate finiva piu' nature vent'anni fa o giu' di li' Con l'incoscienza dentro al basso ventre e alcuni audaci, in tasca l'Unita' , la paghi tutta, e a prezzi d'inflazione, quella che chiaman la maturita' Ma tu non sei cambiata di molto anche se adesso e' al vento quello che io per vederlo ci ho impiegato tanto filosofando pure sui perche' Ma tu non sei cambiata di tanto e se cos'e' un orgasmo ora lo sai potrai capire i miei vent'anni allora e quasi cento adesso capirai Portavo allora un eskimo innocente dettato solo dalla poverta' non era la rivolta permanente diciamo che non c'era e tanto fa Portavo una coscienza immacolata che tu tendevi a uccidere pero' inutilmente ti ci sei provata con foto di famiglia o paleto' E quanto son cambiato da allora e l'eskimo che conoscevi tu lo porta addosso mio fratello ancora e tu lo porteresti e non puoi piu' Bisogna saper scegliere il tempo non arrivarci per contrarieta' tu giri adesso con le tette al vento io ci giravo gia' vent'anni fa Ricordi fu con te a Santa Lucia al portico dei Servi per Natale credevo che Bologna fosse mia ballammo insieme all'anno o a Carnevale Lasciammo allora tutti e due un qualcuno che non ne fece un dramma o non lo so ma con i miei maglioni ero a disagio e mi pesava quel tuo paleto' Ma avevo la rivolta fra le dita dei soldi in tasca niente e tu lo sai e mi pagavi il cinema stupita e non ti era toccato farlo mai Perche' mi amavi non l'ho mai capito cosi' diverso da quei tuoi cliche perche' fra i tanti, bella, che hai colpito ti sei gettata addosso proprio a me Infatti i fiori della prima volta non c'erano gia' piu' nel sessantotto scoppiava finalmente la rivolta oppure in qualche modo mi ero rotto Tu li aspettavi ancora ma io gia' urlavo che Dio era morto, a monte, ma pero' contro il sistema anch'io mi ribellavo cioe', sognando Dylan e i provo E Gianni ritornato da Londra a lungo ci parlo' dell'LSD tenne una quasi conferenza colta sul suo viaggio di nozze stile freak E noi non l'avevamo mai fatto e noi che non l'avremmo fatto mai quell'erba ci creseva tutt'attorno per noi crescevan solo i nostri guai Forse ci consolava far l'amore ma precari in quel senso si era gia' un buco da un amico, un letto a ore su cui passava tutta la citta' L'amore fatto alla boia d'un Giuda e al freddo in quella stanza di altri e spoglia vederti o non vederti tutta nuda era un fatto di clima e non di voglia E adesso che potremmo anche farlo e adesso che problemi non ne ho che nostalgia per quelli contro un muro o dentro a un cine o li' dove si puo' E adesso che sappiamo quasi tutto e adesso che problemi non ne hai che nostalgia, lo rifaremmo in piedi scordando la moquette stile e l'Hi Fi Diciamolo per dire, ma davvero si ride per non piangere perche' se penso a quella ch'eri, a quel che ero, che compassione che ho per me e per te Eppure a volte non mi spiacerebbe essere quelli di quei tempi la' sara' per aver quindic'anni in meno o avere tutto per possibilita' Perche' a vent'anni e' tutto ancora intero perche' a vent'anni e' tutto chi lo sa a vent'anni si e' stupidi davvero quante balle si ha in testa a quell'eta' Oppure allora si era solo noi non c'entra o meno questa gioventu' di discussioni, caroselli, eroi quel ch'e' rimasto dimmelo un po' tu E questa domenica in Settembre se ne sta lentamente per finire come le tante via distrattamente a cercare di fare o di capire Forse lo stan pensando anche gli amici gli andati, i rassegnati, i soddisfatti, giocando a dire che si era piu' felici pensando a chi si e' perso o no a quei patti Ed io che ho sempre un eskimo addosso uguale a quello che ricorderai io come sempre, faccio quel che posso domani poi ci pensero' se mai Ed io ti cantero' questa canzone uguale a tante che gia' ti cantai ignorala come hai ignorato le altre e poi saran le ultime oramai

Was it funny? Share it with friends!